Chrissy Teigen ci insegna a vestire il pancione

Lacci, reti, trasparenze, lunghezze ridotte e scollature bollenti. Stiamo parlando di come enfatizzare un fisico perfetto? No, stiamo parlando degli outfit col pancione di Chrissy Teigen. La modella aspetta una femminuccia dal marito John Legend ma questo non la ferma dal fasciare il corpo come era abituata a fare quando non aveva la sua piccola nella pancia.

Chrissy-Teigen-pancione-4

Le forme continuano a lievitare e gli abiti si fanno sempre più fitted.
La stampa applaude a questa sfrontatezza, gli stilisti fanno a gara per vestire Chrissy Teigen e le altre mamme in attesa fanno finta di non vedere queste proposte che sottolineano una linea comunque invidiabile.
Se a inizio gravidanza Chrissy Teigen puntava su look più casti con pantaloni e top discreti, le ultime uscite sono davvero strabilianti.
La top sembra prediligere il nero, colore scelto per la presentazione del suo libro a New York, per un barbecue organizzato da Sports Illustrated e per gli NAACP Image Awards ma non disdegna le tinte più forti.
Sul red carpet degli Oscar Chrissy Teigen era un tripudio di pizzi e fiori con una creazione dal lungo strascico. Senza fronzoli ma dallo scollo profondissimo l’abito rosso fuoco sfoggiato al The Weinstein Company’s Pre-Oscar Dinner.

A 34 anni diventa mamma e nonna a tre ore di distanza

Diventare mamma è una delle esperienze più belle per ogni donna. Ancora di più, lo è diventare nonna.
Una signora inglese ha potuto vivere a sole tre ore di distanza entrambe queste emozioni. È successo a Pentwyn, in Inghilterra, dove Kay Henry, 34 anni, e sua figlia maggiore Sophie, 19, hanno partorito a poche ore di distanza, dopo aver condiviso insieme i nove mesi della gravidanza.

1534212_0160206_114969_mamma_nonna

Ma non avrebbero mai immaginato di dare alla luce le loro bambine nello stesso giorno, nello stesso ospedale e a così poca distanza tra loro.
Sophie e il suo compagno Adam hanno accolto la piccola Arya giovedì sera alle 08:56. Poco dopo la mezzanotte, anche Kay e suo marito, da poco nonni, hanno visto per la prima volta la loro ultimogenita Tiana Rose. «E’ stato strano e bello allo stesso tempo – ha confidato Sophie al quotidiano locale Wales Online-. Questa è stata la quarta gravidanza per mia madre, e condividere questa esperienza con lei mi ha fatto essere meno ansiosa e terrorizzata perché mi ha dato un sacco di buoni consigli».
Dal canto suo, la neo-nonna ha fatto sapere di non volersi fermare e di desiderare di allargare ancora di più la famiglia. «Siamo felicissimi – ha detto – e spero che nel corso dell’anno ci saranno altre nascite. Ho sempre desiderato una famiglia così numerosa». Gli altri suoi due figli, Shanade di 11 anni e Troy di 8, sono diventati zii e fratelli per l’ennesima volta nella stessa giornata, ed anche per loro non sono mancate le emozioni.
«Mi piace pensare che zia e nipote cresceranno e giocheranno insieme – ha sottolineato Sophie – ed è confortante sapere che mia madre è nella mia stessa situazione. Di sicuro il nostro rapporto diventerà ancora più speciale. So che i miei genitori saranno dei nonni all’altezza, perché non hanno mai fatto mancare nulla a me e ai miei fratelli».

Il marito è sterile, lei resta incinta. A Padova gridano al “miracolo di S. Antonio”

Non c’è solo la guarigione, inspiegabile anche a detta dei medici, di Kairyn. Di miracolo potrebbe essercene pure un altro, verificatosi a poco tempo di distanza da quello che ha avuto per protagonista la neonata veronese. In Basilica, infatti, si è fatta viva una coppia che ha presentato il suo caso, con tanto di documentazione medica allegata, con una conclusione che ha dal prodigioso.

big

In pratica il marito, alla luce dei referti che accertavano la sua assoluta impossibilità di procreare, si è affidato al Taumaturgo: i coniugi hanno avuto un bambino. Lo hanno chiamato Giovanni.
La vicenda è iniziata a gennaio dello scorso anno, quando l’uomo, come lui stesso ha riferito a padre Enzo Poiana, è andato a visitarsi perché la moglie non riusciva a rimanere incinta. La donna si era a sua volta sottoposta a tantissimi esami, ma era sempre risultato che non aveva problemi. Il motivo dell’infertilità è invece emerso chiaramente dai referti del consorte: sterilità assoluta, senza nessuna possibilità, neppure la più remota, di procreare.
I due, a questo punto, hanno pensato all’adozione, decidendo, però, di fare prima un percorso di consolidamento di coppia: erano credenti, ma non frequentavano più di tanto le chiese. E così hanno iniziato ad andare nella Basilica del Santo. Un giorno l’uomo ha deciso di confessarsi a padre Francesco Ruffato. Marito e moglie hanno seguito i suoi suggerimenti e ricevuto la benedizione assieme alle altre coppie sterili e hanno chiesto la grazia di poter diventare genitori.
Nei giorni successivi sono andati a Roma con l’intenzione di vedere pure Papa Francesco. Quando sono tornati, nella cassetta delle lettere hanno trovato l’agenda del Messaggero e un’immagine di Antonio, che hanno riposto in un cassetto. Qualche giorno dopo la donna ha scoperto di essere incinta. «Non ci credevano – racconta padre Poiana – Il test di gravidanza li ha visti felicissimi. Hanno subito avuto la certezza che fosse stato Sant’Antonio a mandargli il bambino e che poi, per far capire che l’intercessione era stata sua, e non del santo Padre, gli aveva fatto trovare nella cassetta postale il suo santino… Qualche settimana fa è nato Giovanni e adesso verranno in Basilica con quel piccolo che hanno tanto atteso e che ormai non speravano più di avere».
A introdurre la consuetudine di celebrare una messa per le coppie sterili, e per quelle che già attendono un bebè, era stato proprio padre Poiana, poco dopo il suo insediamento. «Con tanti sposi che arrivano speranzosi da tutta Italia, è sempre un momento molto commovente – annota -. Come lo è stato domenica per il battesimo di Kayrin, davanti a un migliaio di persone che hanno applaudito questa bellissima bambina guarita da una malformazione e nata sana grazie a Sant’Antonio».

Bar Refaeli, Capodanno con sorpresa: ​su Facebook il test di gravidanza positivo

Capodanno speciale per Bar Refaeli: la modella, che si è sposata l’estate scorsa, ha annunciato di essere incinta postando la foto del test di gravidanza positivo.

cms2_145_c26165

La lieta novella è giunta poco prima della mezzanotte via Facebook: «Ecco come sarà il 2016… Felice anno nuovo!», ha scritto la bionda modella, concludendo il tutto con l’emoticon di un neonato. Ovviamente sono stati quasi 90mila i “Mi piace” dei suoi followers.